lunedì 22 settembre 2008

Venerdì. Tè senza rito.


Venerdì concitato, tanta voglia di un tè ma poco tempo per il suo rituale di accompagnamento. Perciò si procede per tazza e non per teiera, per foglie pizzicate nell'attrezzo a molla, per acqua calda da bollitore elettrico i-s-t-a-n-t-a-n-e-o.
E la poesia? Mi chiedo che fine abbia fatto, mentre nego alla tazza perfino un umile piattino.
Ma, attenzione, le foglie si aprono, il colore pure, l'aroma raggiunge il mio naso portato in braccio dal vapore che sale.
Il sollievo giunge comunque, dapprima al tatto per la tazza calda, di poi all'olfatto, infine al gusto di questo Vintage Darjeeling Tea che mi perdona il peccato della frettolosità e mi concede, a ogni modo, quell'attimo di benessere in cui tutto si ferma: la pausa.


Un ringraziamento a cobrizoperla che ha ispirato questo tè con la sua illustrazione teomanzia: uno specchio in cui riflettersi.

9 commenti:

Fastidiosa ha detto...

Cara a.o. hai dato a questo momento la cura e l'attenzione che merita anche preparandolo con semplicità. Il rito del tè o della tisana è un momento magico... anche se preparati frettolosamente assolvono al loro compito e ci portano il meritato relax. Posso invitarmi per la pausa tè oggi pomeriggio? Anche senza piattino andrà benissimo ;-)

Nina ha detto...

una poesia in prosa. e direttamente mi guida alla credenza.

ciao cara a.o.
F.

a.o. ha detto...

@fastidiosa: sei la benvenuta, guarda siamo anche in orario, manca mezz'ora alle cinque!
a.o.

@nina: ti immagino, sonnambulante, avvicinarti alla credenza mentre pensi: tè tè tè.
un buon tè, allora!
a.o.

Rossana ha detto...

Incredibile, persino a un rito inflazionatissimo come è ormai diventato quello del tè (io ho appena finito di prenderlo), hai saputo dare un senso di delicatezza finissimo, hai creato l'atmosfera per apprezzarlo e gli hai dato persino...il profumo.

a.o. ha detto...

se lo merita, non trovi? una bevanda così confortevole... e confortante.
qual'è la tua miscela, ross?
a.o.

verderame ha detto...

Come hai saputo rendere meraviglioso un momento...
ciao Marina

Rossana ha detto...

Bevo molto thè verde (anzi, è ora!).
E la sera mi piace sorseggiare il karkadé con il miele.

Ciao cara.

a.o. ha detto...

@verderame: grazie marina, e benvenuta nell'aiuola odorosa.
a presto
a.o.

@rossana: il tè verde mi affascina, gli riservo occasioni più poetiche. Il tè nero è la mia prosa, il mio quotidiano, la mia tazza di tè.

bene il karkadè per la sera, ma non dimentichiamoci della cara, vecchia, camomilla.
baci
a.o.

cobrizoperla ha detto...

grazie a te, A.O.
un tè è ancor più piacevole se sorbito in compagnia. ;-)